MI GUIDI E LE GRANDI MOSTRE DI PALAZZO REALE

LEONARDO A MILANO

Palazzo Reale, dal 15 aprile al 19 luglio 2015

Una grande mostra per un grande uomo, nella città leonardesca per eccellenza: Milano.

Leonardo e Milano: un nodo inscindibile, una città che lo ha visto protagonista per ben 25 anni ove egli ebbe modo di esprimere tutte le manifestazioni del suo genio ed eternare la sua impronta in città.

Leonardo è sempre qui con noi: osserva meditabondo il traffico di turisti e cittadini dall’alto del suo monumento in Piazza della Scala, ci stupisce e commuove continuamente alla vista del suo capolavoro, il Cenacolo, ci impressiona con la mastodontica raccolta di materiale, idee, curiosità e progetti, annotati nei suoi famosi codici.

Chi, se non lui, poteva aprire idealmente le danze di Expo?

Questa grandissima mostra, ospitata a Palazzo Reale, indagherà la figura di Leonardo non solo analizzando ogni aspetto della sua poliedrica attività (dal disegno ai profili scientifici), ma ponendolo anche in relazione con le opere dei suoi predecessori e dei suoi discepoli (anche loro protagonisti con alcune opere) e approfondendo la sua influenza sull’arte moderna e contemporanea. In mostra alcuni dei capolavori pittorici di Leonardo, i suoi codici originali, una video riproduzione del Cenacolo a grandezza naturale e oltre cento disegni autografi provenienti dai maggiori musei e biblioteche del mondo: dalla Biblioteca Ambrosiana alla Royal Library di Windsor, dagli Uffizi al Metropolitan Museum di New York e al British Museum.

Ma c’è di più: in mostra opere di Antonello da Messina, Botticelli, Filippino Lippi, Paolo Uccello, Ghirlandaio, Verrocchio, Lorenzo di Credi, Antonio e Piero del Pollaiolo, Jean van Eyck, Della Robbia, Jacopo di Mariano detto il Taccola, Guido da Vigevano, Francesco di Giorgio Martini, Bonaccorso Ghiberti, Giuliano da Sangallo, Bramante.

 

 

La belle ferronnière, Leonardo
La belle ferronnière, Leonardo

 


Grandissimi doni si veggono piovere da gli influssi celesti ne' corpi umani molte volte naturalmente; e sopra naturali talvolta strabocchevolmente accozzarsi in un corpo solo bellezza, grazia e virtú, in una maniera che dovunque si volge quel tale, ciascuna sua azzione è tanto divina, che lasciandosi dietro tutti gli altri uomini, manifestamente si fa conoscere per cosa (come ella è) largita da Dio, e non acquistata per arte umana. Questo lo videro gli uomini in Lionardo da Vinci.

GIORGIO VASARI

VITA DEGLI ARTISTI


DATE DISPONIBILI

Giovedì 28 Maggio, ore 21.15

Domenica 31 Maggio, ore 17.30 

Giovedì 11 Giugno, ore 20.45

Giovedi 18 giugno ore 21.00

Giovedì 11 Giugno, ore 19.00

Venerdi 19 Giugno, ore 19.15

Sabato 20 Giugno, ore 18.45
Giovedi 25 giugno ore 21.00

Venerdi 26 giugno ore 17.45
 

DATE ESAURITE

Sabato 18 Aprile, ore 18.00

Sabato 25 Aprile, ore 18:00
Domenica 26 Aprile, ore 17:30

Giovedì 30 Aprile ore 19:00

Domenica 10 Maggio, ore 11:00

Domenica 10 maggio ore 13.30

Sabato 16 maggio ore 20.00

Sabato 16 Maggio ore 20.15

Venerdi 22 Maggio, ore 20.15

Sabato 23 Maggio, ore 18:00

Giovedi 28 maggio ore 21.30

Sabato 30 maggio ore 19.30

Giovedì 4 Giugno, ore 19.00
Domenica 7 Giugno, ore 17.30

Venerdi 12 giugno ore 17.45

Domenica 14 Giugno, ore 17.30

Giovedi 18 giugno, ore 19.00

Giovedi 25 giugno, ore 19.00